Scarico intasato cosa fare? Come stappare il lavandino

Regole basilari

Cominciamo con il dire cosa dobbiamo fare per non ostruire un lavandino o uno scarico in generale (doccia, vasca, lavello cucina w.c. ecc).

Regola N.1  nello scarico deve andarci solo acqua e detergente, quindi i capelli vanno raccolti soprattutto quelli lunghi delle donne, mettendo una apposita griglia.

Occhio a olii e grassi  sono i peggiori nemici, si attaccano alle tubazioni e con il tempo formano una poltiglia, quindi pulite le stoviglie da eventuali rimasugli prima di lavarle o metterle in lavastoviglie.

Attenzione ai detersivi, spesso tendiamo ad abbondare nell’usarli, basta la metà di quello che utilizziamo abitualmente, e anche quì dopo pochi mesi se lo scarico non ha una giusta pendenza si formano dei “tappi” mostruosi, sono la causa principale delle ostruzioni.

Per quanto riguarda il w.c. vale lo stesso discorso, adoperare solo carta igienica, quindi non gettare: cotton fioc, mozziconi di sigarette, carta scottex. Non utilizzare i “famosi” deodoranti dentro il cestello, che sicuramente fanno un po’ di schiuma e danno un idea di pulito, ma spesso vano a finire dento il vater ostruendolo, e non esiste nessun modo per riprenderli se non chiamare un idraulico che vi smontera’ il w.c. intasato con conseguenti spese, insomma se ne puo’ fare a meno.

Non gettare fondi di caffè, sassolini delle lettiere dei gatti, peli del cane ecc.

Secondo NSF international (una imponente associazione americana che si occupa di salvaguardia dell’acqua) il tuo lavandino e gli scarichi della cucina sono tra i posti a maggiore concentrazione di batteri della tua casa. Peggio ancora degli scarichi del w.c.

Questi tubi sono ricchi di batteri patogeni e di germi che in ambienti così umidi possono proliferare liberamente e trasformarsi in un luogo davvero malsano.

Oltre a questo considera in quale enorme discarica si trasformano i tubi della tua casa se non ti comporti nel modo corretto.

Almeno una volta ogni 15 giorni riempi le vaschette del tuo lavello con acqua bollente e aceto  e falla defluire, in questo modo sgrassi le tubazioni.

E comunque per il fai da te dopo tanti anni il mezzo più valido è ancora lo stura-lavandino, la ventosa per intenderci, quando notate che lo scarico comincia a rallentare dategli due botte.
Ci sono anche dei liquidi molto potenti in commercio, ma se non sapete usarli ve lo sconsiglio perche’ sono a base di acido solforico e se non usati correttamente vi mangiano le mani e gli occhi, oltre al fatto che vi macchia il lavello in acciaio.

Se invece non riuscite in nessun modo contatta Idraulico Roma Roberto Di Francesco
allo 06 87135153 – 348 4754724