Text or shortcode
Text or shortcode
Blog Idraulica

Ricarica condizionatore

Chiunque ha un condizionatore a casa dovra’ prima o poi effettuare la ricarica del condizionatore domestico. Capita quando questo inizia a non refrigerare più l’ambiente e, avvicinando la mano alle bocchette, noteremo che emette solo aria ventilata.

L’aria di sola ventilazione emessa dal condizionatore può essere un avvertimento probabile che è finito il gas refrigerante nel circuito dell’apparecchio, ma non sempre. Tuttavia l’anomalia può essere causata anche da altri tipi di problemi. Per questo, prima di spendere i propri soldi, bisognerebbe imparare a capire se il condizionatore è scarico o meno. Ma come capire se il condizionatore è scarico?

Impariamo a capire come verificare se il condizionatore è scarico

Facciamo una considerazione: il gas refrigerante nel condizionatore non dovrebbe mai esaurirsi perché il circuito in cui è contenuto è chiuso, quindi solo a causa di perdite dallo stesso si dovrà ricorrere alla ricarica

La perdita di gas dai condizionatori è un grave problema perché è un fenomeno che contribuisce significativamente alla formazione del buco dell’ozono, e pensare che ben 170 paesi nel mondo hanno ratificato degli accordi per la loro riduzione

Ed è fondamentale e necessario mantenere il proprio climatizzatore sempre efficiente e in caso di esaurimento periodico del gas nel proprio apparecchio, chiamare un tecnico per evitarne la dispersione nell’ambiente. Si tratta di un atto di responsabilità e attenzione verso la nostra e le future generazioni.

Cosa fare per capire se il condizionatore è scarico

La certezza che il malfunzionamento del condizionatore dipenda dall’esaurimento del gas refrigerante al suo interno, lo possono dare solo delle semplici verifiche. Alcune di queste sembreranno banali ma a volte si da per scontato cose che non lo sono affatto.

Controllo del telecomando

Partite dall’operazione più semplice per capire se il vostro climatizzatore è scarico, prendete il telecomando e verificate che sia impostata la corretta temperatura. Se fuori ci sono 25 gradi e il vostro condizionatore è settato su 26, è normale avvertire la presenza di aria calda. Di norma questa temperatura dovrebbe stare sui 5-6 gradi sotto rispetto alla temperatura esterna e, per evitare sprechi e malanni, mai sotto i 21-22 gradi.

Altro controllo da effettuare sul telecomando è la modalità di funzionamento. Verificate che non sia impostato come “pompa di calore” o “ventilazione”. Se tutto è a posto, passate al secondo controllo.

Controlliamo se i Filtri sono sporchi

La seconda operazione da fare per capire se il condizionatore è scarico, è il controllo dei filtri. Li trovate sotto al pannello, facilmente accessibili e smontabili. I filtri devono essere belli puliti e non presentarsi sporchi e intasati. Lo sporco mette sotto sforzo il motore del condizionatore e gli fa perdere di efficacia. Quindi se i filtri sono sporchi, puliteli seguendo le istruzioni contenute nel libretto di uso e manutenzione del vostro apparecchio e visto che ci siete, munitevi di uno spray igienizzante e sanificateli, e meglio ancora un antibatterico contro la salmonella.

Terminata l’operazione, ci vorrà qualche ora perché i filtri devono asciugarsi per bene, rimontateli e verificate il funzionamento del vostro condizionatore d’aria. Se raffredda di nuovo l’ambiente avete trovato il motivo del malfunzionamento e significa che c’è ancora gas nel vostro condizionatore d’aria. Se notate ancora la fuoriuscita di aria calda passate al prossimo step.

Controlliamo il canale di fuoriuscita dell’aria

Anche qui, se trovate dello sporco, può essere questa la causa del malfunzionamento del condizionatore. Pulitelo bene e molto probabilmente il vostro clima tornerà a rinfrescare l’aria. Si tratta del canale del vaporizzatore ed è essenziale la sua pulizia. Se ancora non va, continuiamo con i controlli per capire se il condizionatore è scarico.

Controllo Ventole e Lamelle interne

Lo sporco. è il peggior nemico del condizionatore., polvere. depositi, moscerini e altro. Quando si vuole capire se il condizionatore è scarico bisogna innanzi tutto pulire bene tutte le parti. In questo caso anche le ventole e le lamelle interne. Se non ci arrivate dovrete chiamare un tecnico ma prima di farlo, continuiamo la nostra indagine fino dove possiamo arrivare senza l’ausilio di un tecnico specializzato.

Controllo unità esterna

Altro controllo da fare per capire se l’anomalia è causata dall’esaurimento del gas nel condizionatore è il controllo visivo dell’unità esterna. Attenzione. Spesso queste parti sono installate sulle facciate dei palazzi. Se la tua unità esterna si trova in un punto il cui accesso è pericoloso, lascia stare e chiama subito un tecnico specializzato.

Se invece potete raggiungerla tranquillamente, verificate se sia sporca o intasata; a volte vi si trovano anche nidi di uccelli, ma più frequentemente polvere, foglie e ramoscelli. Questa sporcizia può causare il rallentamento della ventola con conseguente perdita di efficacia nella dissipazione del calore.

Ci vuole anche orecchio

Come capire se il condizionatore è scarico? Può volerci anche un po’ d’orecchio. Intendo che dovreste fare attenzione se dal vostro apparecchio provengono rumori strani causati da problemi alla ventola o al compressore. Anche qui, in caso di risposta affermativa, dovrete chiamare un tecnico.

Questi in generale sono tutti i controlli da fare per capire se il condizionatore è scarico. Se nonostante i vostri sforzi il clima dovesse continuare a emettere aria calda, molto probabilmente dovrete effettuare una ricarica gas al condizionatore, a meno che non vogliate abbassare la qualità di vita all’interno della zona living della vostra abitazione. Pero’ non è detto che la causa sia dovuta invece ad altro. Ma questo solo del personale specializzato potrà dirvelo.

Per assistenza condizionatori Roma contattateci ai numeri: 06 87135153 oppure al 348 4754724

You might be interested in …

error: Content is protected !!