Installazione condizionatori Roma Nuovo Salario

Come scegliere il climatizzatore

condizionatore midea

Se hai bisogno dell’installazione di un climatizzatore, come installatore specializzato, posso:

– Verificare dove installare l’aria condizionata, e progettare l’impianto di climatizzazione prima dell’installazione.
– Scegliere insieme a te, la marca e il modello del condizionatore, esaminando i prezzi, e decidendo in base al rapporto qualità/prezzo (tratto climatizzatori  Daikin, Mitsubishi, Sharp, Hisense, Haier, Midea, Panasonic ) con tecnologia inverter e comunque tutti in Classe A/ A+  A++  A+++
– Installare l’ unità interna e  l’ unità esterna e collaudarne il funzionamento
Eseguo sempre lo spurgo dell’aria con la pompa del vuoto

Clicca sul link offerte menu in alto a destra per vedere i prezzi dei condizionatori compresa  l’ installazione

  • Montaggio di un climatizzatore monosplit fornito dal cliente Eu. 150 escluso materiali e iva  (installazione standard spalla/spalla)
  • Montaggio di un climatizzatore dual split fornito dal cliente  Euro 290 escluso materiali e iva(montaggio standard spalla/spalla)
  • Montaggio di un climatizzatore trial split fornito dal cliente Euro 410 escluso materiali e iva
  • Per materiali si intendono: tubazioni rame, tubazione condensa, cavi elettrici, spine, staffe, viti, stop di fissaggio, se non forniti dal cliente incidono per circa 40/50 Euro per il monosplit, 80/90 Euro per il dual split, 120/130 Euro per il trial split
  • Smontaggio di un vecchio climatizzatore  Eu. 50
  • Smontaggio di un vecchio climatizzatore e trasporto alla discarica Eu. 80

– Ricarica gas per i condizionatori
Se il climatizzatore non funziona correttamente posso effettuare la ricarica del gas.
Prezzi ricarica climatizzatore 9000 btu Eu 150 circa

Contattami subito per qualsiasi domanda e senza impegno per un preventivo

I climatizzatori di ultima generazione si ripagano da soli in pochi anni perchè abbattono le spese energetiche.

I modelli a inverter sono più silenziosi e riducono i consumi del 30-40% perché modulano la potenza assorbita.

I modelli a pompa di calore producono sia la climatizzazione estiva che il riscaldamento invernale, con un risparmio annuo sul riscaldamento fino al 60%.

I condizionatori delle nuove classi energetiche A+ e A++ consumano meno. Ci sono anche i prodotti di classe A+++ che costano un po’ di più ma riducono i consumi al minimo.

Diversi modelli aumentano la qualità dell’aria, eliminando i cattivi odori presenti nell’ambiente, rimuovendo le sostanze che provocano allergie o quelle nocive come virus, batteri e muffe.

Una guida alla scelta del condizionatore in base a metratura e numero di ambienti

Climatizzare la propria abitazione è importante per mantenere il giusto livello di umidità e creare un ambiente più salubre in cui vivere, in cui si percepisce il giusto livello di temperatura, né troppo caldo, né troppo freddo. L’aria che ci circonda inoltre è inquinata e contiene molti allergeni: i climatizzatori attuali sono dotati di filtri antiodore, antipolline e antibatterici e, purificando l’aria che respiriamo in casa, sono la soluzione ideale per tutte le persone che soffrono di allergie.

COME SCEGLIERE IL CLIMATIZZATORE

Quando si sceglie un condizionatore è importante valutare alcune caratteristiche fondamentali, quali la tecnologia e la classe energetica, la potenza del climatizzatore e l’eventuale necessità di climatizzare più ambienti.

TECNOLOGIA INVERTER E CLASSE ENERGETICA

La tecnologia a Inverter viene utilizzata nei climatizzatori per regolare costantemente la temperatura interna. In confronto a un sistema tradizionale, offre un comfort ottimale e riduce i costi energetici del 30%. I climatizzatori di ultima generazione e con classe di efficienza energetica A +++, A++, A+ hanno consumi bassissimi e sono gestibili senza richiedere nessun ulteriore aumento di potenza della propria linea elettrica.

LA POTENZA

Si misura in BTU (British Termal Unit); per calcolare la potenza ideale per un certo ambiente si possono usare due metodi molto semplici.

Si calcola il volume della stanza (o delle stanze) da climatizzare e lo si moltiplica per 100. Esempio di una stanza che misura 5 metri di larghezza, 4 m di lunghezza e 3 m di altezza. Il calcolo sarà: 5x4x3=60×100=6.000. Il condizionatore che andrò ad installare deve avere una potenza di almeno 6.000 BTU. (Quelli in commercio partono da 7.000 BTU, anche se ultimamente con gli inverter si usa montare il 9.000 anche con stanze medio/piccole)

Si considera mediamente questo rapporto: per una stanza di 25-30 mq la potenza del condizionatore deve essere intorno a 9.000 BTU; cresce fino a 12.000 BTU per una metratura di 35-40 mq; raggiunge i 18.000 BTU per dimensioni superiori a 40 mq. Attenzione: questo rapporto è valido se l’ambiente da climatizzare è unico e non eccessivamente caldo (come una mansarda); in questi casi infatti è indispensabile un climatizzatore inverter e chiedere il parere a un tecnico specializzato.

NUMERO DI AMBIENTI DA CLIMATIZZARE

Il calcolo preciso del numero di split e della potenza necessaria per climatizzare un ambiente è un lavoro da specialista. Infatti, molto dipende dalle dimensioni dell’ambiente ma anche dalla sua struttura, dallo stato di coibentazione e dall’esposizione nord-sud.

Un unico split nel corridoio adiacente alle stanze.

In questo caso é meglio un condizionatore “on-off”: questi apparecchi infatti, sebbene consumino più corrente, garantiscono un flusso costante di aria e non rallentano una volta che la temperatura nel corridoio raggiunge quella impostata (come nei modelli inverter). In questo modo l’aria mantiene la spinta necessaria per arrivare alle stanze da raffreddare. Attenzione: quando la metratura complessiva delle stanze da raffreddare è molto grande è meglio chiudere la porta degli ambienti non utilizzati. Inoltre, si sconsigliano troppi metri di tubazione tra il motore e lo split per evitare perdite di potenza

In generale, è sempre bene richiedere il parere finale di un tecnico esperto in grado di trovare il migliore compromesso tra le proprie esigenze e quelle strutturali dell’ambiente da raffreddare.

 

 

Torna alla Home Page